Pubblicato il 1 luglio 2014

Competenze digitali: arrivano i nuovi profili per il Web

iwa skills

Aggiornamento dei profili esistenti e nuovi profili di competenza professionale, primi profili in Europa ad uniformarsi al modello di riferimento CEN.

Da Venezia, città che nei prossimi giorni sarà il centro dell’innovazione digitale per l’avvio del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea con l’evento #digitalvenice, nuovo primato nazionale in ambito di competenze digitali.

Il 30 giugno 2014 l’Associazione IWA Italy (International Webmasters Association Italia) ha pubblicato la nuova versione dei profili professionali per il Web, un progetto avviato nel 2006 e che ha coinvolto oltre 200 realtà (associazioni, imprese, professionisti, PA) per la definizione di documenti condivisi al fine di identificare le diverse competenze professionali operanti nel Web. Per tale attività IWA ha già ottenuto riconoscimenti sia in ambito nazionale che internazionale, essendo stata recentemente premiata a ForumPA da FORMEZ e Agenzia per l’Italia Digitale (AgID) e menzionata dal CEN all’interno del nuovo modello di riferimento europeo per le competenze digitali (e-CF 3.0) come primo esempio in Europa di definizione di profili di competenza professionale per il Web.

Il documento pubblicato da IWA fa parte del progetto Web Skills Profiles (skillprofiles.eu) già referenziato dal CEN non solo all’interno del modello e-Competence Framework (e-CF) ma anche all’interno del CWA 16458 (dedicato alla definizione dei profili di competenza professionale di seconda e terza generazione). Le attività di IWA sono state referenziate, poi, all’interno delle Linee Guida per le competenze digitali predisposte dall’Agenzia per l’Italia Digitale e presi come esempio dall’Osservatorio per le Competenze Digitali (AgID, Assinform, Assintel, Assinter) sia per la definizione dei profili che per il monitoraggio dei compensi.

Caratteristica esclusiva dei Web Skills Profiles è il tipo di licenza (Creative Commons) che li rendono idonei al recepimento da parte di imprese e PA che potranno eventualmente adattarli alle proprie esigenze, senza pagamenti di royalties. Allo stesso modo il documento è già a disposizione di UNINFO (ente normazione federato UNI per il settore ICT) per la definizione della normazione nazionale in materia di professioni non regolamentate, al fine di creare la norma tecnica di riferimento per il “Professionista Web” (categoria che IWA rappresenta ai sensi della legge 4/2013, come unica associazione attualmente accreditata per il settore all’elenco definito dal Ministero dello Sviluppo Economico), ponendo i profili identificati da IWA come esempi di competenze inerenti l’attività del professionista Web.

La nuova versione del documento Web Skills Profiles è nata dall’esigenza di effettuare l’aggiornamento dei 21 profili al modello e-CF 3.0, precedentemente identificati e catalogati secondo e-CF 2.0, nonché per consentire l’inserimento di nuovi profili (Augmented Reality Expert, E-Learning Specialist e Data Scientist).

Con questa nuova versione”, dichiara Roberto Scano (presidente IWA Italy), “abbiamo nuovamente dimostrato che la creazione collaborativa di documenti ed il rilascio con licenze aperte consente la definizione di schede di competenza che possono essere prese quale esempio per la domanda/offerta di lavoro, la formazione e la certificazione”. “L’attività non è finita”, continua Scano, “Il prossimo rilascio, con nuovi profili è previsto per febbraio 2015. Chiunque ha voglia di contribuire è bene accetto”.

Valorizzare i professionisti del Web attraverso un profilo chiaro da spendere sul mercato del lavoro, questo il nostro obiettivo” dichiara Pasquale Popolizio (vice presidente IWA Italy e coordinatore progetto Web Skills Profiles), che continua: “Fare ordine fornendo uno strumento a professionisti, aziende, PA, società di selezione ed enti di formazione di riconoscere le opportunità fornite dalle competenze digitali è una necessità.

I numeri del gruppo di lavoro raccontano l’impegno, risultati e riconoscimenti:

- 8 anni dalla fondazione del gruppo di lavoro
- oltre 200 i professionisti coinvolti che hanno preso parte ai lavori
- 24 i profili professionali le cui competenze sono state catalogate e divulgate a tutti
- Primo esempio in Europa di definizione condivisa per i profili di competenza di terza generazione
- Premio AgiD e FormezPA rilasciato a Forum PA 2014 nel contest “Azioni per la cultura digitale”
- Presenti nelle Linee Guida del Programma nazionale per la cultura, la formazione e le competenze digitali pubblicate dall’Agenzia per l’Italia Digitale nel maggio 2014 quale esempio di competenza per settore professionale: professionalità Web.

Tanti motivi in più per ringraziare le professioniste ed i professionisti, le organizzazioni, le associazioni e le aziende che hanno contribuito alla stesura dei profili e alla promozione delle competenze digitali quale volano di sviluppo del nostro Paese. Dopo Digital Venice saremo di nuovo impegnati per realizzare nuovi profili e per allargare il gruppo di lavoro e condividere il più possibile le nostre attività.”  

Per partecipare al gruppo è sufficiente manifestare la propria volontà inviando un’email a info@skillprofiles.eu”.

The following two tabs change content below.
Vice presidente di IWA Italy. Consulente e formatore in Marketing Digitale e accessibilità del Web. Digital strategic planner e componente del Consiglio Scientifico della Fondazione Idis Città della Scienza. Responsabile coordinamento tecnico-didattico e attività di Web Accessibility a Federica Web Learning - Università degli Studi di Napoli Federico II. Coordinatore del Gruppo IWA Italy Web Skills Profiles, per la definizione dei profili delle competenze del Web.


Un commento a “Competenze digitali: arrivano i nuovi profili per il Web”

  1. […] – La versione 2.0 del documento che definisce i profili del professionisti del Web è stato pubblicato da IWA, la divisione italiana della International Webmaster Association, redatto come nella precedente […]